Stipsi

Sono diverse le cause possibili: meglio sempre consultare il medico.
Molto spesso è sufficiente correggere abitudini alimentari e masticazione, per vedere miglioramenti notevoli.
Il cibo va masticato lentamente e con cura quaranta volte; bevendo, prendete piccoli sorsi da deglutire con calma, per evitare di ingerire aria. Infatti è questa la causa più diffusa nella difficoltà ad avere una regolarità nel completare la digestione: sulle bolle d’aria non si può esercitare la peristalsi, che è quel movimento dell’intestino che induce a espellere le scorie dell’alimentazione.
Visto che i disagi dipendono dalla pigrizia della persona, l’uomo ha inventato diversi sistemi per ottenere lo scopo senza abbandonare le proprie abitudini sbagliate ma tanto egoisticamente piacevoli.
Tisane lassative a base di frangula e cassia, di diverse forze per diverse necessità; tisane carminative a base di coriandolo, carvi e cumino, oppure decotti finocchio e anice; boldo, rabarbaro e genziana agiscono migliorando il lavoro digestivo del fegato e del sistema endocrino digestivo.
Facili e comodi nell’assunzione, perché modulabili secondo necessità, i rimedi in compressa con frangula, cassia e rabarbaro; i rimedi ridotti in polvere, miscele diverse aromatizzate alla liquerizia.
Spesso sarebbe meglio fare uso di decotti di malva, semi di psillio oppure di un decotto di polpa di tamarindo: questi rimedi sono i migliori ma richiedono un impegno che pur se minimo, oggi non si vuole spendere, a scapito della miglior salute e della miglior igiene alimentare.